Scrivi e-mail DonazioniLinksNews

A.T.C.R.U.P. Onlus
Associazione Toscana Cura Riabilitazione Ustioni Pediatriche

Ustioni pediatriche - Problemi psicologici

I problemi psicologici dopo il ricovero

Nel periodo di riabilitazione, caratterizzato dal ritorno del paziente nell'ambiente abituale e dalla ripresa del contatto con "gli altri", il suo equilibrio e quello dei suoi familiari viene messo alla prova, influenzando in modo determinante l'entità delle problematiche   psicologiche che seguono la dimissione dall'ospedale. Queste problematiche   non possono mai essere del tutto   evitate, ma sono più evidenti se la degenza è stata particolarmente lunga e dolorosa e se il bambino presenta delle   cicatrici provocate dall'ustione che renderanno molto problematico soprattutto l'impatto con la gente.

Come limitare i danni psicologici

Per limitare i danni psicologici l'intervento dei curanti deve esprimersi in due direzioni:

a)     sostenere attraverso il servizio di psicologia il bambino e la sua famiglia durante tutta la degenza

b)     evitare o ridurre il più possibile la cicatrizzazione patologica (vedi punto 1)

c)     abbreviare il più possibile la degenza del bambino in ospedale compatibilmente con il processo di guarigione per facilitare il più possibile il ritorno   precoce del bambino nell'ambiente familiare, nel suo contesto sociale e soprattutto nell'ambito scolastico nel caso di bambini che già frequentano l'asilo o la scuola.

d)    preparare adeguatamente il ritorno del bambino nel suo ambito sociale ; questo è il compito di tutto il team del Centro Ustioni, ed in particolare dello psicologo, nelle ultime fasi della degenza al fine di aiutare    il bambino e la sua famiglia ad affrontare l'arduo impatto   della ripresa delle relazioni   con gli amici, i compagni di scuola, e soprattutto, con gli estranei. Ciò infatti   comporta per loro   un impegno molto arduo che può produrre gravi ripercussioni psicologiche e   sviluppare   spesso delle vere e proprie malattie.